L’importanza delle fiere di articoli promozionali

Perché con i nostri computer e tablet sempre a portata di mano, abbiamo ancora bisogno di visitare le fiere di articoli promozionali?
Un tempo andare in fiera era un “must” per qualsiasi venditore o azienda nel settore promozionale. Basta immaginare che prima di internet gli unici modi per conoscere un fornitore di borse o magliette erano: o visitare le fiere europee, dove questi fornitori esibivano servizi e prodotti, o prendere le Pagine Gialle e cercare tra migliaia di pagine, aggiornate anno dopo anno.

L’avvento di Google nel promozionale: come scegliere un fornitore?

Oggi è tutto diverso. Basta digitare su Google “magliette personalizzate” ed ecco che spuntano fuori una miriade di produttori, stampatori, importatori, aziende terze ecc. Insomma: la scelta è ampissima!

Succede persino in aziende come la nostra: quando dobbiamo cercare un articolo mai trattato prima, la maggior parte delle volte la prima cosa che facciamo è cercare su internet. Poi ovviamente testiamo la serietà del fornitore: si stabilisce un contatto, si va a visitare l’azienda e si fissa un incontro.

Tuttavia un’agenzia riceve decine di ordini al giorno e bisogna essere capaci di rispondere con tempestività e competitività. Per fare questo è necessaria un’approfondita conoscenza dei produttori presenti sul territorio italiano, europeo ed estero per le grosse quantità. Non ci possiamo permettere di cercare e incontrare ogni produttore ogni qual volta riceviamo una richiesta.

Per questo abbiamo creato un ampio database, contenente tutti i nostri produttori a livello mondiale: aziende con cui lavoriamo regolarmente e di cui ci fidiamo ciecamente. Con molti di questi collaboriamo fin dagli inizi delle nostre operazioni promozionali e di conseguenza abbiamo dei trattamenti di favore: prezzi migliori della concorrenza ed un pieno controllo sulla merce che viene prodotta.

Allora perché “perdiamo”  ancora tempo per visitare le fiere del promozionale?
I motivi sono tanti, qui elenchiamo i 3 più rilevanti:

1. Le novità promozionali

Le novità non si trovano su internet. Non si può fare una ricerca “novità promozionali” su Google. Per scoprire i prodotti nuovi che possano andare forte nel nostro settore, bisogna per forza girare le fiere. Qui produttori e inventori pagano fior di quattrini per esporre i propri servizi, le idee ed appunto prodotti nuovi. Un esempio è questa simpatica telecamera portatile: l’avvento delle GoPro ha spinto produttori a crearne sempre di più piccole e comode da portare in giro.

GoPro portatile2. Conoscere produttori nuovi

Proprio recentemente ci è capitato di ricevere una richiesta importante: 100.000 profumatori per automobile. Da anni per questo articolo noi ci affidiamo sempre a uno dei nostri produttori, che ci rifornisce sempre quando capitano richieste simili. Questa volta però il nostro produttore di fiducia aveva fissato un prezzo troppo alto, fuori dal budget stabilito dal cliente.
Girare per fiere ci ha permesso di conoscere un produttore nell’est Europa, in grado di stare nel budget richiesto. Questo ci ha permesso di essere un passo avanti ai nostri competitor e di vincere la gara con grande soddisfazione: alla competizione partecipavano più di 6 agenzie, su tutto il territorio italiano.
Da notare che molte volte questi produttori sono piccole fabbriche di paesi in via di sviluppo, a conduzione famigliare: anche con un sito internet funzionante, questo articolo non sarebbe mai stato indicizzato da Google. Non sarebbe mai stato possibile per noi trovarlo con una semplice ricerca su internet, soprattutto un modello originale e simpatico come questo:

3. Il rapporto umano con il fornitore

Molte volte si lavora con un fornitore per un’ordine in particolare e poi non ci si risente più fino alla prossima richiesta. O peggio: si lavora moltissimo con un fornitore ma sfortunatamente, stando all’estero, non si ha mai la possibilità di vedersi di persona. In entrambi i casi, anche nell’era digitale, il rapporto umano rimane di vitale importanza per una collaborazione professionale veramente efficace. Le migliori negoziazioni si fanno davanti a un bicchiere di vino a fine giornata o a cena fuori mentre ci si rilassa. Questo permette a un’agenzia promozionale come la nostra di avere dei vantaggi, soprattutto sui prezzi; a volte si possono anche vincere i premi di fine anno se si raggiunge un certo fatturato con un fornitore. Questo tipo di vantaggio si riesce ad ottenere molto più facilmente durante un incontro informale, faccia a faccia e con una buona stretta di mano.

Quindi come potete vedere ci sono cose che sfortunatamente ancora non si possono fare seduti davanti a un computer. Per questo bisogna investire nel muoversi un po’, per l’Europa o per il mondo per stare sempre aggiornati su novità, fornitori nuovi o semplicemente per mantenere il rapporto con uno di loro.

Le principali fiere di articoli promozionali

Ogni paese ha la sua fiera nazionale, ma ovviamente è utile solo a chi vive e opera in quel paese. Per noi italiani la fiera per eccellenza del settore promozionale è il PTE.

PTE

PTE vuol dire Promotional Trade Exhibition. Si svolge a Fieramilanocity verso fine gennaio tutti gli anni. È una fiera abbastanza piccola ed oltre ai fornitori europei più famosi del settore, si possono trovare anche piccole realtà artigiane, che producono in larga scala per agenzie e multinazionali. Per esempio, qui si possono incontrare confezionatori di abbigliamento al posto delle aziende abituate a stampare su ogni tipo di materiale. Non è una fiera di grande importanza, ma come agenzia Italiana siamo obbligati a nominarla ed ovviamente frequentarla tutti gli anni.
Sito ufficiale PTE

PSI

Al contrario, il Promotional Product Service Institute (PSI) è la fiera più importante del nostro settore in Europa. Si svolge a Düsseldorf qualche settimana prima del PTE, intorno ai primi di Gennaio. Chiunque operi nel settore promozionale in Europa non può mancare questo evento. Ci sono tutti i più grandi importatori del settore, oltre a moltissime aziende medio piccole provenienti da tutta Europa. Ci sono più di cinque padiglioni giganteschi, pieni di produttori, importatori e anche agenzie. Si può trovare di tutto: da chi produce solo tappi per bottiglia personalizzati a chi si pubblicizza facendo solo portachiavi. Il PSI rimane sicuramente la fiera Europea del settore promozionale più importante.
Sito ufficiale PSI

Canton Fair

La famosa fiera di Canton, Cina, rimane l’evento di riferimento per eccellenza di qualsiasi settore che tratti l’import export. Diciamo che non è strettamente necessario visitarla tutti gli anni. Qui più che guardare le novità, si incontrano tutte le fabbriche cinesi. È una fiera talmente grande che la dividono in tre fasi con varie categorie per fase e per visitarla tutta ci possono volere fino a 20 giorni. È abbastanza esagerata ma se si va con uno scopo ben preciso, per esempio cercare fornitori di zaini o di cancelleria, allora un salto si può anche fare. In questo modo si possono vedere vari fornitori che possono quotare vari prezzi e avere standard qualitativi differenti.  La fiera di Canton si svolge tutto il mese di aprile e pensate, stanno alla 123esima edizione.

Canton Fair

Hong Kong Gifts & Premium Fair

Chi visita la fiera di Canton di solito ne approfitta per andare anche a Hong Kong alla Gifts & Premium Fair del Wan Chai Exhibition Centre. Si svolge a fine aprile ed è una fiera di medie dimensioni, dove si possono incontrare trading companies del settore promozionale oltre che a fabbriche un po’ più esclusive. Può essere utile ma non indispensabile. Una volta ogni due/tre anni è bene visitarla, perché qui si trova la Cina con un po più di innovazione. Tutte le aziende che hanno investito nel design si trovano qui. Solution Group, essendo membro italiano esclusivo di IGC (www.igcpromotions.com), tutti gli anni partecipa a questa fiera perché a fine evento ha l’incontro annuale con il resto del gruppo dove si approvano bilanci e si discutono nuovi clienti globali e nuove opportunità che si presentano a livello internazionale.
Il sito ufficiale

Hong Kong